A1, apre cantiere per casello Valsamoggia


A Crespellano, finalmente, qualcosa si muove. Ruspe e camion compattano il fondo dello svincolo di un casello autostradale atteso da almeno vent’anni, quello che fra l’altro annetterà l’autostrada alla nascitura Nuova Bazzanese. Si chiamerà Casello di Valsamoggia, come il neonato comune che lo scorso anno ne ha visti fondersi ben cinque: secondo il sindaco Daniele Ruscigno, il nuovo casello sarà pronto già nella primavera del prossimo anno, al costo stimato di dieci milioni di euro. Quando aprirà, gli abitanti della zona – da San Cesario sul Panaro fino alle porte di Bologna – potranno accedere alla A1 senza senza guidare fino a Modena Sud o a Casalecchio di Reno. A beneficiarne, in futuro, saranno anche i seicento lavoratori della nuova fabbrica Philip Morris, il cui maxi cantiere si agita proprio lì accanto.
La completa stesura della Nuova Bazzanese è invece prevista per la seconda metà del 2019, per quanto alcuni stralci attorno al nuovo casello potrebbero essere completati con notevole anticipo al fine di favorirne l’accesso. I quaranta milioni messi a budget serviranno per ridurre – si spera significativamente – il traffico sulla via Emilia.
Tempi indefiniti, infine, per l’altra opera viabilistica di cruciale importanza sull’arteria più vicina al cuore della regione: il nuovo casello di Modena Nord, il cui complicato processo burocratico è a buon punto ma di ruspe e camion all’opera ancora non c’è traccia.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet