A Reggio Emilia le start up crescono


Gli imprenditori reggiani puntano sull’innovazione come fattore di crescita economica.
Sono già 60, infatti, le start up innovative registrate alla Camera di Commercio di Reggio Emilia a fine agosto 2015, più che raddoppiate rispetto allo stesso periodo dell’anno passato (erano 24). Sono imprese che hanno come obiettivo lo sviluppo o la commercializzare di prodotti e servizi innovativi ad alto valore tecnologico, sono società di capitali – costituite anche in forma di cooperativa – nuove o attive da meno di cinque anni e che rispondono ai requisiti stabiliti dal “Decreto Crescita 2.0” del dicembre 2012. Più della metà delle startup innovative reggiane – sottolinea la Camera di Commercio – fornisce servizi alle imprese: in particolare prevalgono le attività di produzione software e consulenza informatica (17 imprese pari al 28,3% del totale), e le attività di R&S e professionali, scientifiche e tecniche (11 aziende, 18,3%). Consistente anche la quota delle start up innovative nei settori dell’industria in senso stretto, primo fra tutti quello della metalmeccanica (11 imprese, 18,3%), seguito dalla fabbricazione di computer e prodotti elettronici (9 aziende, 15%). Solo il 5% si colloca nel commercio. Alle start up innovative è dedicata una sezione speciale del Registro Imprese per poter usufruire della disciplina specifica che prevede numerosi benefici (deroghe particolari al diritto societario, esonero dal pagamento dell’imposta di bollo e dei diritti di segreteria dovuti per gli adempimenti al registro imprese, nonché dal pagamento del diritto annuale).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet