A Modena 100 aziende agricole in meno


©Trc-TelemodenaMODENA, 23 GEN. 2012 – Saldo negativo per le aziende agricole modenesi: nel 2011, secondo una stima della Coldiretti, ne sono state registrate un centinaio in meno. Un calo che si va ad aggiungere alla serie non favorevole che negli ultimi anni ha visto colpire un settore vitale per l’economia ed il territorio modenese, mettendo a repentaglio produzioni vanto del Made in Italy agroalimentare nel mondo. “La parabola discendente che caratterizza il comparto – scrive Coldiretti – ha portato il numero delle imprese iscritte alla Camera di Commercio ad assestarsi a 9240, in un momento in cui la competitività delle imprese rischia di essere ulteriormente compromessa dalle difficoltà determinate dagli effetti della manovra che, solo con l’Imu, costerà alle imprese agricole, nel 2012, un miliardo di euro in più”. Per l’associazione agricola la nuova Imu avrà un impatto pesante su terreni agricoli e fabbricati rurali, dalle stalle ai fienili fino ai capannoni necessari per proteggere trattori ed attrezzi, andando a tassare quelli che sono, di fatto, mezzi di produzione per le imprese agricole. Per questo, secondo la Coldiretti, è necessaria una netta differenziazione del trattamento fiscale per chi il terreno lo usa per vivere e lavorare. E sull’Imu in agricoltura il Pdl ha presentato una mozione per sollecitare la giunta regionale e provinciale ad invitare i Comuni a determinare l’aliquota più bassa per i fabbricati rurali ad uso strumentale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet