A fuoco il ristorante “Casa delle Aie”, indagini per incendio doloso


RAVENNA, 26 MAR. 2009 – Il noto ristorante ‘Casa delle Aie’ di Milano Marittima, sulla riviera ravennate, è rimasto gravemente danneggiato da un incendio scoppiato verso le quattro della scorsa notte. Secondo i vigili del fuoco il rogo potrebbe avere origine dolosa; sul posto si è recata anche la Scientifica dei carabinieri, che ha sequestrato alcune bombole di gas che potrebbero essere state utilizzate per innescare l’incendio. La riapertura del ristorante, da poco passato a una nuova gestione dopo una lunga ‘querelle’ che aveva coinvolto anche l’Amministrazione comunale, era prevista nel periodo pasquale.Sul caso è intervenuto il sindaco di Cervia, Roberto Zoffoli. "L’incendio della Casa delle Aie – ha spiegato – è un atto di una gravità inaudita che colpisce la città intera e che condanniamo con forza. Siamo sgomenti per questo gesto, che provoca uno sconcerto profondo in tutti i cervesi e che ferisce la nostra Cervia, la nostra anima, la nostra identità e che danneggia la vita di quanti nella Casa delle Aie lavorano". "L’Amministrazione comunale, che ha provveduto immediatamente alla denuncia, non accetta atti intimidatori – ha aggiunto Zoffoli – e auspica che le forze dell’ordine e la magistratura, nei quali riponiamo piena fiducia, facciano luce sull’accaduto e individuino al più presto i responsabili e i loro mandanti". "La città – prosegue – vuole la Casa delle Aie e anch’io, come tutti i cervesi, amo questo patrimonio che rappresenta la nostra storia e le radici profonde della nostra cultura. E’ un patrimonio unico, indiscutibile e inimitabile, che appartiene alla nostra città e che non è immaginabile in nessun’altra realtà”.“Come abbiamo fatto finora – ha concluso il primo cittadino cervese – ci adopereremo con tutte le nostre forze per aprire la Casa delle Aie il prima possibile e nessuna azione di intimidazione potrà fermarci nel perseguire i nostri obiettivi. In queste ore tantissimi cervesi si sono fatti avanti per sostenere le nostre azioni e quelle delle forze dell’ordine. Ringrazio tutti di cuore e sollecito chiunque a trasmettere informazioni che possano aiutare le indagini dei Carabinieri”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet