A Expo “Modena, dove tutto diventa arte”


“Modena, dove tutto diventa arte”. E’ lo slogan che caratterizza la presenza per due settimane del sistema Modena a Expo, da sabato 17 ottobre fino al termine della manifestazione. Nella piazzetta della Regione Emilia-Romagna, a due passi da Palazzo Italia, verrà allestita una vera e propria vetrina delle eccellenze del territorio offrendo l’opportunità ai visitatori di approfondire la conoscenza dei prodotti tipici, a partire dall’aceto balsamico, così come delle principali realtà di interesse turistico: dal sito Unesco di Duomo, Ghirlandina e piazza Grande al Palazzo dei Pio di Carpi, dalla Rocca di Vignola all’Appennino, fino alla “terra di motori”, al belcanto, alla moda. Non ci si limiterà a video e materiale promozionale, la chiave scelta per caratterizzare l’esperienza modenese e distinguersi dalle tante proposte di stand e padiglioni internazionali, è quelle delle animazioni e delle performance teatrali con la collaborazione della compagnia Koiné Teatro Sostenibile che tutti i giorni, 24 volte al giorno per due settimane, proporrà degustazioni e opportunità di approfondimento sui prodotti tipici e sulle realtà turistiche. Nello stand si alterneranno il Comune di Modena insieme ad altri enti locali (Carpi, Castelfranco, Fanano), al Consorzio Tutela Aceto balsamico di Modena, a Confindustria Modena e alla Fondazione di Vignola (con l’Unione Terre di Castelli e Piacere Modena), tutti soggetti che erano stati selezionati dalla Regione per la presenza a Expo e che poi hanno deciso di realizzare un progetto comune, una collaborazione che, salvaguardando le singole identità, consentisse di sviluppare un’autentica operazione di promozione coordinata del territorio.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet