A Correggio il piano solo di Ray Lema per Mundus


8 AGO. 2009 – Il cortile del Palazzo dei principi di Correggio di nuovo cornice di un altro grande appuntamento della rassegna Mundus e noi 2009. Protagonista di questa sera (ore 21 e 30, ingresso gratuito) sono le note del pianoforte di Ray Lama, artista originario della Repubblica Democratica del Congo ma di formazione cosmopolita. Ray Lema, dopo essersi distinto nel suo Paese per la maestria dimostrata nel pianoforte, e avere intrapreso dei tour nazionali, ha approfondito con interesse l’eredità musicale, culturale e danzata africana. Ha viaggiato attraverso gli USA e il Belgio per approdare infine in Francia, paese dove vive tutt’ora. Dopo l’album d’esordio, il vivacissimo «Kinshasa–Washington DC–Paris», i suoi dischi sono diventati sempre più popolari, così come le sue apparizioni, che vanno diritte al cuore della melodia. Nell’ottobre del 2003, Lema ha ricevuto a Parigi il prestigioso premio "Django d’Or".Musicista di formazione classica occidentale (ha studiato pianoforte al seminario di Kinshasa), Lema ha ampliato le sue conoscenze tecniche, che gli consentono di spaziare oggi tra jazz, classica e musica africana, arrivando perfino a innovare la rumba congolese con contaminazioni rock, e distinguendosi come uno dei protagonisti indiscussi e più apprezzati della World music. Il festival Mundus è giunto alla sua XIVa edizione e vede il coinvolgimento di sei Comuni del territorio reggiano e modenese (Reggio Emilia, Boretto, Carpi, Casalgrande, Correggio e Scandiano) ed anima con musiche e sonorità provenienti da diverse culture spesso anche a noi lontane palazzi storici, cortili e piazze. Il festival è organizzato dalla Provincia di Reggio Emilia e da ATER-Associazione Teatri Emilia-Romagna.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet