A Cesena la rivoluzione della nuova Woodstock


CESENA (FC), 24 SET. 2010 – Rievocare lo spirito di Woodstock. Non ci hanno pensato due volte a “scomodare i santi” gli organizzatori di un grande evento che vuole essere rivoluzionario tanto quanto lo storico concerto di quarantuno anni fa, tenuto in una sperduta fattoria dello Stato di New York. Un salto nel tempo e nello spazio. Dagli States alla Romagna il passo è breve, così Cesena si appresta a vivere la Woodstock Cinque Stelle, ovvero il weekend di musica e politica messo a punto dal movimento degli amici di Beppe Grillo. Un’occasione per divertirsi, prima di tutto, e per ripassare, attraverso il contributo di esperti, i temi delle cinque stelline: acqua, mobilità, internet, rifiuti, lavoro. Questioni sulle quali il movimento ha proposte da fare, non proteste, come spiega lo stesso Grillo.Cesena è anche l’occasione per celebrare il successo del movimento Cinque stelle. Una realtà politica nata sulla rete in pochi anni, a partire dal 2005, e presto diventata un “mostro” incontrollabile che fa paura ai vecchi partiti. Sono circa cinquecentomila i voti raccolti alle ultime regionali, soltanto in cinque regioni, e senza usare finanziamenti pubblici. Risorse poi rifiutate anche col diniego dei rimborsi elettorali da parte di quelle liste che ce l’hanno fatta ad arrivare nei consigli regionali. Tra questi vi è quella dell’Emilia-Romagna, che conta ora due consiglieri in via Aldo Moro: Giovanni Favia e Andrea Defranceschi.A distanza di tre anni dal V-Day di Bologna, Beppe Grillo torna di nuovo in Emilia-Romagna per un altro evento da inserire nella storia del suo movimento. Le telecamere saranno puntate sul comico, nell’attesa di un discorso politico in cui si annuncia il lancio di una lista per le probabili elezioni anticipate che potrebbero esserci già nel marzo prossimo. Due sono però le condizioni che se realizzate potrebbero vedere l’ingresso dei grillini nella politica nazionale: una nuova legge elettorale, “se no si ripete la manfrina di adesso – spiega Grillo – con i nominati in Parlamento, ‘abusivi’ e non ‘eletti’”. Secondo, una soluzione al conflitto di interessi “come abbiamo chiesto col secondo Vday – continua Grillo – ovvero l’abolizione della legge Gasparri, perché non si può dare a un nano tre televisioni”.Sul palco della nuova Woodstock non ci saranno i Jefferson Airplane, ma artisti italiani, soprattutto emergenti. Sabato si esibiranno Francesco Baccini, Samuele Bersani, Charleston, John De Leo, Max Gazzé, Rudy Rotta, Ivan Segreto, Sud Sound System e il comico Flavio Oreglio. In programma domenica ci sono invece Daniele Silvestri, Paolo Benvegnù, Blastema, Stefano Bollani, Bud Spencer Blues Explosion, Cattive Abitudini, Dente, Fabri Fibra + Marracash, L’Invasione degli omini verdi, Linea 77, Mamasita, Marta Sui Tubi, Leo Pari, Perturbazione, Supa + DJ Nais, Teatro Degli Orriori, The Niro, Tre Allegri Ragazzi Morti.E ci sarà, naturalmente, spazio per un Beppe Grillo in una veste inedita o quasi. Il blogger opinion leader del movimento si esibirà in una performance blues. "dovrete sopportarmi, suonerò dei pezzi di blues per mezz’ora. E’ per questo che ho organizzato Woodstock 5 Stelle, per potermi finalmente esibire come Ray Charles di fronte a un pubblico amico, è il vero obiettivo nascosto. Mi eserciterò tutto il mese di agosto per stupirvi", ha fatto sapere il comico dal suo blog il mese scorso.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet