Agricoltura traina crescita imprese under 35


Al 30 settembre 2016 in Emilia Romagna le imprese agricole guidate da giovani under 35 erano 2.239, con un aumento del 13,3 per cento e un saldo attivo di 262 imprese rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto emerge da una analisi di Coldiretti sulla base dei dati del Registro delle Imprese di UnionCamere Emilia Romagna, da cui risulta che il settore agricolo è l’unico tra tutti i settori con il saldo positivo delle imprese giovanili. Dal registro delle imprese regionali nei primi nove mesi del 2016 risulta che il totale delle imprese under 35 sono 32.122, il 3,2 per cento in meno dell’anno precedente. La forte crescita del settore agricolo – commenta Coldiretti regionale – è sintomo di un rinnovo generazionale trainato anche dal richiamo che l’agricoltura esercita sui giovani come attività che consente di realizzare la voglia di essere imprenditori di se stessi, in forte crescita tra le nuove generazioni. Nel settore agricolo – rileva Coldiretti – la presenza giovanile è sempre più legata all’innovazione imprenditoriale, sia in termini di nuove colture, sia in termini di nuovo approccio con il mercato, al punto che il lavoro in campagna si è esteso fino alla trasformazione e al commercio, con il boom delle vendite dirette dell’agricoltore di prodotti locali. Una realtà favorita dalla Legge di Orientamento (Legge 228/2001) fortemente sostenuta da Coldiretti che ha rivoluzionato le campagne e consentito ai giovani di interpretare in chiave innovativa le opportunità offerte dal mondo rurale. Proprio per incentivare e sostenere le idee innovative, l’attività di ricerca e diversificazione, la capacità di sfidare la globalizzazione, Coldiretti Giovani Impresa ha aperto dall’1 febbraio le iscrizioni all’edizione 2017 di Oscar Green, concorso riservato agli imprenditori agricoli e agroalimentari under 40 che abbiano realizzato un modello d’impresa originale e innovativo. Le iscrizioni sono aperte fino al 31 marzo 2017 e possono essere fatte online sul sito web www.oscargreen.it, dove è possibile trovare anche il regolamento, oppure rivolgendosi alle sedi provinciali di Coldiretti. L’Oscar Green, arrivato all’undicesima edizione, è articolato in sei sezioni: “Impresa 2.Terra”, riservato alle aziende agroalimentari che hanno sviluppato una cultura d’impresa esemplare per lo sviluppo e la crescita dell’agricoltura italiana, con nuovi percorsi tecnologici e di comunicazione; “Campagna Amica”, che premierà la capacità di valorizzare il made in Italy attraverso il rapporto tra impresa e consumatori, rispondendo alle esigenze di sicurezza alimentare, qualità dei prodotti tutela ambientale; “We green”, riservato alle aziende che lavorano e producono in modo ecosostenibile, riducendo al minimo la produzione di rifiuti, risparmiando energia e materiali attraverso processi innovativi a tutela dell’ambiente; “Fare rete”, destinato a progetti che rispondano alla parola d’ordine “partnership”, con imprese, cooperative, consorzi agrari, startup capaci di fare rete per massimizzare i vantaggi delle aziende agricole, agroalimentari e del consumatore finale; “Agri-you” rivolto a progetti di agricoltura sociale , con servizi e prodotti che rispondano ai bisogni della persona e della collettività; “Crea” per progetti che si distinguono per creatività e innovazione sia di prodotto sia di metodo, in grado di aiutare l’azienda a produrre meglio e in modo più efficiente.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet