“La Ferrari prodotto esclusivo”


Il bond Ferrari fa il pieno di ordini. Due miliardi e 700 milioni a fronte di un’emissione di 500 milioni. Il Cavallino convince ancora una volta gli investitori. Dopo il debutto in Borsa, prima a Wall Street e poi a Piazza Affari, la Rossa di Maranello ha emesso il primo bond della sua storia in vista di un possibile aumento della produzione, così come indicato da molti analisti finanziari che vedono nella realizzazione di un maggior numero di modelli (ora sotto le 8mila unità) la via migliore per valorizzare il titolo sui mercati. Intanto Piero Ferrari, vice presidente della Rossa e azionista con il 10%, assicura che anche con un eventuale aumento della produzione il Cavallino non perderà la sua natura di prodotto esclusivo. Il figlio del Drake è intervenuto alla presentazione del nuovo libro di Italo Cucci sul Ferrari segreto.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet