Ferrari a Piazza Affari


Palazzo della Borsa rosso Ferrari, con le bandiere della casa di Maranello sulla facciata. Ha debuttato il titolo del Cavallino Rampante dopo la separazione da Fca. Alla cerimonia il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Davanti al Palazzo della Borsa, come era avvenuto a New York in occasione della quotazione a Wall Street, è esposta l’intera gamma della casa di Maranello: una decina di modelli tra i quali l’ultima nata, la F12 Tdf.

Ferrari debutta a Piazza Affari a 43 euro per azione. A New York, nell’ultima seduta dello scorso anno, il titolo della Rossa di Maranello aveva chiuso a 48 dollari (circa 44 euro), con una capitalizzazione di mercato di circa 8,32 miliardi di euro. Scivola la Ferrari al debutto a Piazza Affari, con il titolo che scende sotto quota 42 euro e poi viene sospeso dalle contrattazioni. Fca apre la seduta a Piazza Affari a 8,48 euro per azione dopo che è diventato operativo lo scorporo della Ferrari. Fca aveva chiuso l’ultima seduta dell’anno a 12,92 euro, con una capitalizzazione di mercato di 16,6 miliardi. L’80% di Ferrari in pancia a Fca valeva, all’ultima chiusura di New York, circa 6,65 miliardi di euro. Non è prevista la quotazione di Maserati. “No”, ha risposto in modo lapidario l’a.d. di Fca Sergio Marchionne ai giornalisti che gli chiedevano se sia allo studio un’Ipo per la casa del Tridente. Ha invece assicurato che la produzione di Ferrari resterà a Maranello: “Impensabile altrove”, ha detto.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet