30 corsi per tecnici specializzati


La Regione Emilia-Romagna ha approvato 30 percorsi di Istruzione e formazione tecnica superiore (Ifts) per formare tecnici specializzati. I corsi sono stati finanziati con circa 3,5 milioni e saranno avviati entro il 28 novembre. I percorsi sono progettati e svolti congiuntamente da enti di formazione professionali accreditati per la formazione superiore, da istituti secondari superiori, anche in rete fra loro, dalle università e da una o più imprese. “Gli Ifts sono un segmento decisivo della Rete Politecnica regionale – spiega l’assessore regionale al Lavoro Patrizio Bianchi – il sistema delle imprese richiede competenze sempre più specialistiche e professionalità in grado di supportarle nei processi di innovazione tecnologica necessari per affrontare al meglio le trasformazioni in atto. Per rispondere a queste esigenze la Regione finanzia e sostiene la Rete Politecnica, un’offerta formativa progettata per innalzare le competenze professionali, tecniche, tecnologiche e scientifiche delle persone e delle imprese”. I corsi sono rivolti a giovani e adulti, non occupati o occupati in possesso del diploma. L’accesso è consentito anche a chi è in possesso dell’ammissione al quinto anno dei percorsi liceali, e a chi non possiede il diploma di istruzione secondaria superiore ma che può accreditare le proprie competenze acquisite in precedenti percorsi di istruzione, di formazione o di lavoro. I percorsi – a cui potranno accedere complessivamente 600 persone – hanno una durata complessiva di 800 ore. La formazione d’aula e di laboratorio è accompagnata da periodi di stage, circa 300 ore, per consentire ai partecipanti di sperimentare in impresa le competenze acquisite, di conoscere gli ambienti lavorativi e comprenderne le dinamiche relazionali. Al termine, viene rilasciato il certificato di specializzazione tecnica superiore di tecnico superiore. Caratteristica dei percorsi che costituiscono la rete politecnica è l’integrazione tra i diversi soggetti formativi e le imprese, impegnati a collaborare sulla base delle proprie esperienze, competenze ed eccellenze alla progettazione e alla realizzazione delle attività. I corsi riguardano la meccanica, l’aeronautica, l’agroalimentare, l’informatica, il settore ceramico e i settori emergenti dell’artigianato. Opportunità anche nella logistica, nell’edilizia e nell’internazionalizzazione delle imprese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet